.:: CAMCOM.GOV.IT - Camere di Commercio D'Italia ::.

IL PORTALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO D'ITALIA

COSENZA - Nasce la Rete dei Parchi del Centro-Sud Italia

/uploaded/Generale/Immagini/news 2021/parco del pollino.png

Con l’obiettivo di dar vita a percorsi territoriali di interesse, a eventi culturali e turistici per la valorizzazione di beni e di luoghi che favoriscano la collaborazione tra le istituzioni facenti parte del progetto mettendo al centro l’ambito culturale, artistico e ambientale è stato sottoscritto, lo scorso 15 febbraio presso la sala incontri della sede camerale, il protocollo d’intesa denominato “Parchi del Centro-Sud” tra la Camera di commercio di Cosenza, il Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise, il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, Val d’Agri-Lagonegrese, il Parco Nazionale del Pollino e il Parco Nazionale della Sila. Si legge in una nota dell'Ente Parco Nazionale del Pollino pubblicata sulla pagina facebook della Camera di commercio di Cosenza. 

Oltre al presidente della Camera di commercio, Klaus Algieri, erano presenti alla firma il presidente Giovanni Cannata – Parco Abruzzo, Lazio, Molise, il commissario Giuseppe Priore del Parco Lucano, Val d’Agri-Lagonegrese, il presidente Domenico Pappaterra – Parco Pollino ed il presidente Francesco Curcio – Parco Sila.

La Camera e i Parchi firmatari dell’accordo – ha sottolineato il presidente Algiericondividono l’intento di rimarcare l’importanza e la necessità d’innescare percorsi di animazione territoriale di interesse, di svolgere eventi culturali, oltre che turistici, legati alla valorizzazione di tutte le risorse di beni e di luoghi, che favoriscano una stretta collaborazione tra tutte le istituzioni coinvolte, per programmare, in seguito, attività formative e di sviluppo socio economico e turistico, tese ad un fattivo sviluppo di produzione e diffusione artistico – culturale – ambientale. Grazie alla collaborazione dei Parchi e alla loro conoscenza delle potenzialità delle nostre zone interne, ci proponiamo di approvare al più presto, misure specificamente dirette a sostenere le imprese e i territori che ricadono nel loro perimetro, consapevoli dell’importanza del loro contributo alla crescita dell’intero meridione.”

Tutti i partecipanti hanno ritenuto importante che venga condotta una precisa analisi tramite strumenti micro e macro economici, capaci di prevedere l’impatto delle norme turistico - incentivanti e di valutarne i punti di forza locali, per ottenere una situazione di allocazione efficiente delle risorse, così da giungere al punto d’incontro dove migliorare il benessere (utilità) di un soggetto non porti a peggiorare il benessere degli altri soggetti, ricercando i più validi strumenti per il perseguimento di fini superiori, quali quello del recupero e della salvaguardia del nostro patrimonio paesaggistico, ambientale, artistico, storico e culturale.
 

Data di pubblicazione: 18/02/2021 11:01
Ultimo aggiornamento: 18/02/2021 11:42