.:: CAMCOM.GOV.IT - Camere di Commercio D'Italia ::.

IL PORTALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO D'ITALIA

Movimprese 2014

  • I trimestre 2014: Saldo ancora negativo (-24mila) ma migliore rispetto allo scorso anno. In un trimestre che tradizionalmente consegna un bilancio negativo all’anagrafe delle Camere di commercio, il saldo del primo trimestre 2014 (-24.490 imprese) si segnala per una decisa inversione di tendenza rispetto al 2013, quando all’appello mancarono oltre 31mila imprese. Sul risultato ha influito, in particolare, il rallentamento delle cancellazioni (10mila in meno rispetto al primo trimestre dell’anno scorso, pari ad una contrazione del -6,7%), un dato che ha compensato fortemente il lieve calo delle iscrizioni (circa 3mila unità in meno rispetto al primo trimestre 2013, il 2,7%).
  • II trimestre 2014: + 36mila imprese il saldo della nati-mortalità nel II trimestre 2014. Il migliore saldo tra iscrizioni e cessazioni - quasi +36mila, rispetto a +26mila nel II trimestre 2013 - è frutto di dinamiche sottostanti in rallentamento: sono state poco meno di 97mila le iscrizioni (il dato più basso degli ultimi 10 anni) a fronte di 61mila cessazioni (solo nel 2010 si registrò un valore più contenuto). Il tasso di crescita risultante è pari a +0,59%, in ripresa rispetto agli ultimi due anni.
  • III trimestre 2014: Imprese, 16.500 in più tra luglio e settembre (+0,3% il tasso di crescita). Chiude in positivo l’anagrafe delle imprese nel terzo trimestre del 2014. Il bilancio demografico dei mesi estivi fra le imprese nate (72.833) e quelle che contemporaneamente hanno dichiarato la cessazione delle attività (56.382), termina con un saldo attivo pari a 16.451 unità, quasi 4mila unità in più rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. Il tasso di crescita del periodo (+0,3%), però, è il risultato del più basso volume di iscrizioni rilevate nel terzo trimestre dell’anno dal 2005 e uno dei più contenuti volumi di cessazioni del decennio, superato solo nel 2010.
  • Consuntivo 2014: Imprese, l’azienda-Italia riprende il passo: 30mila in più nel 2014. Si arresta l’”emorragia”, 31mila chiusure in meno del 2013. Saldi positivi nei servizi, turismo e commercio; in rosso agricoltura, manifattura e costruzioni.
Data di pubblicazione: 11/07/2017 16:25
Ultimo aggiornamento: 11/07/2017 16:31