.:: CAMCOM.GOV.IT - Camere di Commercio D'Italia ::.

IL PORTALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO D'ITALIA

Bergamo - Arbitrato, mediazione e negoziazione assistita. Tre ADR a confronto

/uploaded/Generale/Immagini/news2018/bg(4).png

La Camera di commercio organizza per martedì 30 ottobre 2018 alle ore 14.30 un seminario rivolto ai professionisti interessati ad approfondire la conoscenza degli strumenti di giustizia alternativa. L’evento si terrà presso il Palazzo dei Contratti e delle Manifestazioni a Bergamo.

Obiettivo dell’iniziativa è diffondere sul territorio bergamasco la conoscenza e il ricorso agli strumenti ADR per la risoluzione delle controversie. ADR è l’acronimo dell’espressione inglese alternative dispute resolution e si riferisce alle tecniche di risoluzione alternativa delle controversie.
In questo ambito vengono offerti vari strumenti, tutti caratterizzati da celerità ed economicità, che li rendono spesso una via preferenziale rispetto alla giustizia ordinaria. Nei procedimenti vengono garantite anche riservatezza e autonomia.

“Il momento formativo sarà occasione per approfondire la conoscenza dei servizi offerti dalla nostra Camera di commercio, – spiega il segretario generale M.Paola Esposito. - Professionisti ben informati sono fondamentali per far capire i vantaggi delle ADR e quindi consigliare opportunamente i propri clienti. Sottolineo tra l’altro che, per favorire gli avvocati impegnati nelle udienze mattinali in tribunale, i nostri incontri di arbitrato e mediazione si tengono anche di pomeriggio.”

Le tecniche di gestione del conflitto che si fanno rientrare nel novero delle ADR sono l’arbitrato, la mediazione e la negoziazione assistita.
L’arbitrato è una procedura formale nella quale un soggetto terzo e imparziale, che riveste il ruolo di arbitro, trova una soluzione al conflitto dopo aver valutato le opposte argomentazioni delle parti. Il lodo dell’arbitro ha effetti obbligatori per le parti. Fra tutte le ADR l’arbitrato è quello più simile al classico processo in tribunale, perché l’arbitro, proprio come il giudice, interviene per risolvere il conflitto facendo uso di un potere di decisione vincolante.

La mediazione è una procedura informale, pur svolgendosi davanti a uno o più mediatori imparziali. Ha il pregio di restituire alle parti la responsabilità delle proprie decisioni: il compito del mediatore infatti non è di valutare i torti e le ragioni dei litiganti, ma di aiutarli a riattivare fra loro un dialogo interrotto. Tuttavia, perché si abbia mediazione occorre la libera e volontaria adesione degli interessati alla procedura. Il mediatore non ha alcun potere decisionale, ma svolge il ruolo del “facilitatore” e accompagna le parti verso la ricerca della soluzione alla controversia.

La negoziazione assistita è un procedimento nel corso del quale le parti, assistite da uno o più avvocati, convengono di cooperare in buona fede e con lealtà per risolvere in via amichevole una controversia. Come gli altri strumenti, la negoziazione assistita può essere utilizzata, in alternativa alla giurisdizione ordinaria, per qualsiasi tipo di controversia purché riguardi diritti disponibili.

La partecipazione è gratuita previa iscrizione su sportello virtuale fino a esaurimento dei posti disponibili. È in corso la procedura di riconoscimento dei crediti formativi presso gli ordini e i collegi professionali.
 

 

Data di pubblicazione: 08/10/2018 13:12
Ultimo aggiornamento: 08/10/2018 13:29